Menu Chiudi

I Sirenei di Affori, maestoso portale di Villa Litta

I Sirenei Villa Litta Affori sfingi obelischi monumento egizio del '700

Uno dei simboli memorabili e più preziosi di Affori, I Sirenei. Eretto nel ‘700 era il trionfale portale di accesso a Villa Litta Modignani da cui fu irrimediabilmente separato con l’arrivo della ferrovia. Decenni di oblio e degrado fino ai restauri del 2012. Questo maestoso portale barocco in stile egizio vecchio di tre secoli, sopravvive solitario e confinato, spesso dimenticato dagli stessi residenti.

MilanoAffori.it vi propone una bella raccolta di testimonianze e immagini inedite in omaggio a Luigi Ripamonti, appassionato scrittore, ricercatore e documentarista della Storia afforese; da sempre divulga e condivide il frutto delle sue preziosissime ricerche: sue molte delle foto e notizie che proponiamo qui e in un secondo articolo sui restauri:

I Serenell di Affori di Luigi Ripamonti.
Brano tratto dal volume Affori Mille Anni di Storia editore La Buona Parola (1995)

Mi piace molto più chiamarle così che non, come di solito, quasi con spregio, vengono chiamate: “I donasc” (le donnacce). Nulla giustifica un tale dispregiativo nomignolo affibbiato a quelle pietre scolpite che tanto posto d’onore hanno avuto nella sfarzosa e galante vita dei nobili proprietari di Villa Litta che ha svolto un ruolo di primo piano in tre secoli di storia afforese.

Quel semicerchio di pietre fatto di due vasi ornamentali, due piramidi e due sfingi, che ora sembra caduto lì per caso, dove è tutto ciò che rimane del grandioso ingresso principale alla Villa quale inizio di un lungo viale, contornato di piante, fiori, siepi, prati e adornato da un’artistica cancellata in ferro battuto che dava lustro alla Villa e al suo Parco.

Altrochè ammasso di pietre! Un rudere sì, per colpa nostra, ma un rudere con tanto di pedigree, di Storia, di ricordi, di racconti da poterci scrivere un libro! Invece sono là, abbandonate in dignitoso silenzio che guardano tra l’indifferente e il corrucciato una schiera di spensierati bambini che giocano attorno, anch’essi incolpevolmente indifferenti a tre secoli di storia che trasudano da quelle sfingi. Ma almeno loro non le offendono ignorandole!

La nobile dimora di Villa Litta Modignani

Era circondata da un magnifico e scenografico parco all’inglese molto più vasto ed esteso di ciò che vediamo oggi. Fu il conte Ercole Silva a progettarlo nel ‘700 ampliandolo e ridisegnandolo con sistemazioni all’italiana e all’inglese. Il parco di Villa Litta è uno dei più antichi nella periferia milanese e oggi preserva ancora alcune tra le più maestose e secolari alberature della zona come i maestosi platani di epoca napoleonica.

Questa nobile residenza afforese realizzata dal marchese Corbella nel 1687 fu ceduta e acquistata nel tempo da diversi casati: dai Gherardini passò ai Trivulzio, quindi ai Visconti d’Aragona, ai Taccioli per chiudere la cessione nobiliare in mano ai Litta Modignani da cui prese il nome.

Villa Litta e il suo secolare parco

Guarda le gallerie fotografiche che MilanoAffori.it ha realizzato…

Title
Villa Litta restaurata ritrova l’antico splendore

Oltre un anno di lavori e cantieri. Riqualificate le facciate e il tetto; al piano terra recuperati affreschi e soffitti a cassettoni. La nuova Sala Matrimoni civili

Title
Il Parco di Villa Litta è uno dei più antichi di Milano

Maestosi platani ultra secolari svettano in questo storico parco afforese che abbraccia Villa Litta. Nato come giardino all’italiana, fu ampliato e trasformato in “giardino paesaggistico” verso la metà dell’800…

Title
Cappellina degli Appestati

Sorge al confine del parco di Villa Litta, dove un tempo era un foppone per la sepoltura degli infetti della peste del 1630… Da molti anni versa nel più totale degrado nascosta e inaccessibile. Forse a breve il recupero promesso dal Municipio…

Un ampio viale alberato conduceva a Villa Litta

Il complesso seicentesco di Villa Litta Modignani sorge sull’intersezione di due assi ortogonali: uno è l’attuale Viale Affori – allora intitolato Belgioioso Triulzi – che consentiva l’accesso laterale da est e dall’antico nucleo agricolo di Affori.

L’altro asse, tracciato nel ‘700, perpendicolare al primo e orientato verso nord in direzione dell’antica strada Postale della Comasina, permetteva ai visitatori provenienti dalla Brianza, dal Comasco e dalla Svizzera di giungere frontalmente alla nobile residenza afforese. Questo nuovo viale, un ampio rettilineo lungo ben 500 metri, era intitolato a Visconti Gherardini ed era delimitato da un doppio filare di platani che creavano uno scenografico cono prospettico sulla facciata della villa. Oggi di quel imponente viale trionfale ne sopravvive solo un breve accenno percorribile entrando al parco di Villa Litta da via Taccioli.

Affori il lungo viale prospettico realizzato tra Villa Litta e la strada Postale Comasina in una mappa del Brenna del 1865
Affori: il lungo viale prospettico realizzato tra Villa Litta e la strada Postale Comasina in una mappa del Brenna del 1865
I Sirenei in un bel acquerello di A. Annoni, raffigura il viale alberato, ingresso solenne a Villa Litta come doveva apparire nel '700
I Sirenei in un bel acquerello di A. Annoni, raffigura il viale alberato, ingresso solenne a Villa Litta come doveva apparire nel ‘700

I Sirenei di Villa Litta, monumentale portale barocco del ‘700

Al vertice nord del lungo viale alberato (intitolato al Visconte Gherardini) fu realizzato un imponente ingresso trionfale per accogliere e impressionare gli illustri e facoltosi ospiti in visita a Villa Litta: I Sirenei (o anche Serenej), un elaborato complesso scultoreo in stile barocco ispirato all’arte egizia, stile molto in auge in quegli anni, composto di due alti obelischi, due sfingi e due grandi anfore in pietra di ceppo lombardo posti su grandi basamenti che sostenevano una monumentale ed elaborata cancellata in ferro battuto. Nel dopoguerra l’antica cancellata del Settecento inspiegabilmente venne smontata e trasferita a Villa Clerici a Niguarda dove si trova tutt’ora.

Affori Viale prospettico tra Villa Litta e i Sirenei Urbanfile
Affori: il Viale prospettico tra Villa Litta e i Sirenei tagliato a metà dal tracciato della ferrovia (rendering Urbanfile)

L’arrivo della ferrovia separerà per sempre I Sirenei dalla Villa

Nella seconda metà dell’Ottocento il progresso industriale e l’arrivo della ferrovia ad Affori sarà la vera causa e l’iniziò dell’inesorabile declino del portale d’ingresso monumentale dei Sirenei. Il tracciato dei binari posati tra Bovisa e Cormano incrociava proprio nel mezzo il bel viale settecentesco tagliandolo di netto. I Sirenei rimasero così separati irrimediabilmente dalla Villa e dal suo storico parco, solitari e isolati in mezzo a campi di frumento e filari di gelsi.

I Sirenei negli anni '50 obelischi egizi era entrata monumentale a Villa Litta Affori
I Sirenei negli anni ’50: gli obelischi egizi spiccano solitari tra prati incolti (foto OESSE)

Il declino delle nobili casate proprietarie di Villa Litta e l’oblio dei Sirenei

Dalla fine dell’Ottocento la proprietà della Villa e i suoi possedimenti agricoli vennero frazionati e venduti passando in mano a differenti famiglie. La gran parte delle vaste e fertili aree rurali coltivate che attorniavano Villa Litta oltre a buona parte di quello che era stato un magnifico parco all’inglese subirono alienazioni, radicali modifiche urbanistiche e speculazioni edilizie. Inoltre, negli anni ’50 e ’60 la città crebbe notevolmente invadendo le aree periferiche un tempo agricole: furono edificati nuovi quartieri come la Comasina e massicce costruzioni sorsero a ridosso dei Sirenei a tal punto da soffocare e nascondere il complesso scultoreo.

Benchè relegati in un fazzoletto di prato, sfingi, stele e anfore rimasero miracolosamente integri per decenni.

I Sirenei di Affori negli anni '50 dimenticati tra le sterpaglie in una foto di Luigi Ripamonti
I Sirenei di Affori negli anni ’50 dimenticati tra le sterpaglie in una foto di Luigi Ripamonti
Affori, coda al passaggio a livello di Via Astesani. Sullo sfondo si intravedono gli obelischi dei Sirenei (foto Milano Policroma)
Affori, coda al passaggio a livello di Via Astesani. Sullo sfondo si intravedono gli obelischi dei Sirenei (foto Milano Policroma)
I Sirenei nel 1973 in una scena del film La Polizia Trema sullo sfondo il quartiere Comasina in costruzione
I Sirenei nel 1973 in una scena del film Milano Trema sullo sfondo il quartiere Comasina in costruzione

Il recupero e la rinascita dei Sirenei nel 2012

I Sirenei e Villa Litta Modignani andarono inspiegabilmente incontro all’inesorabile degrado del tempo, trascurati e dimenticati persino dai residenti afforesi. Dopo decenni di incuria e abbandono, articoli di giornali e proteste dei residenti , finalmente il Comune di Milano avvio i lavori di restauro nel 2012.

I Sirenei di Affori vandalizzati nel 2010 foto MilanoToday

Lombardia Beni Culturali riporta in una nota questa credenza popolare:

Lungo l’antica strada postale che, da Porta Comasina, si allunga a nord, si trova ancora in piedi (ma alquanto degradato) il monumentale ingresso alla villa Litta Modignani:

due sfingi chiamate dialettalmente DUNASC [dialettale versione di donnacce] e obelischi, uno dei quali sarebbe stato pieno di monete d’oro.

Un’altra diceria voleva che di qui muovesse un cunicolo fino alla villa, e che i signori di Affori vi gettassero le concubine dopo le orge.

I Volontari ridipingono gli androni di Villa Litta e la scuola materna

Un altro tassello di Villa Litta ripulito dai cittadini Dopo le terribili devastazioni e pesantissime vandalizzazioni che Milano ha subito durante le manifestazioni per il Primo Maggio 2015 degenerate in atti di guerriglia urbana contro l’inaugurazione di Expo, il Comune di Milano, superato lo sgomento dei primi giorni, in risposta a tanta inaudita violenza, ha…

Leggi tutto…

Afforesi e cittadini volontari difendono Villa Litta dagli imbratta muri

11 e 12 Settembre 2014: Associazione antigraffiti con decine di volontari e residenti ridipingono le facciate della seicentesca Villa Litta dopo anni di vandalizzazioni e imbrattamenti. Denunciano i vandali e adottano la Villa. I cittadini volontari ripuliscono Villa Litta imbrattata per anni dai vandali https://www.youtube.com/watch?v=CdWZAly7I7Q Nel settembre 2014 un piccolo esercito di cittadini e volontari…

Leggi tutto…

Coi restauri Villa Litta Modignani ritrova l’antico splendore

Dopo due anni di importanti lavori sono state finalmente rimosse le impalcature del cantiere. Architetti, muratori e maestranze artigianali hanno restituito a questo pregevole edificio edificato nel 1686 un nuovo volto: il colore della facciata che per decenni tutti identificavano in quell’intenso e vistoso arancione, ora è stato riportato al suo autentico e delicato aspetto…

Leggi tutto…

Da Gennaio 2018, matrimoni civili a Villa Litta… anche di notte !!!

Sposarsi al chiaro di luna a Villa Litta. Un articolo di Maurizio Giannattasio su il Corriere della Sera del 30 Dicembre 2017 Qui i matrimoni civili (dal prossimo gennaio) si celebreranno fino a mezza notte, anche con servizi di «wedding-planner», dal tenore al rinfresco. Lo ha annunciato il presidente del Municipio 9, Giuseppe Lardieri (FI) Vuoi…

Leggi tutto…

Oggi sposi a Villa Litta, celebrato il primo matrimonio civile

La prima coppia di sposi nella nuova sala matrimoni di Villa Litta Il Presidente di Municipio, Giuseppe Lardieri celebra il primo sposalizio con gli Assessori Pellegrini e Todaro. Un commosso Enrico Terragni benedice l’evento atteso da trent’anni. Un giorno memorabile per Affori e per la splendida Villa Litta Modignani. Dopo le promesse e le lunghe attese,…

Leggi tutto…

Posted in Storia Cultura, Villa Litta Modignani

Altri articoli suggeriti su MilanoAffori.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.